Soggetto produttore
Giulio Andreotti
Modalità di acquisizione
Acquisito dall'Istituto Luigi Sturzo, con atto di donazione del senatore Giulio Andreotti in data 10 luglio 2007.
Storia archivistica
L'archivio è stato dichiarato di interesse storico particolarmente importante dalla Sovrintendenza archivistica per il Lazio in data 17 luglio 2007.
Contenuto
L'archivio conserva documentazione relativa alla sfera sia privata che pubblica di Giulio Andreotti e ci permette di ripercorrere in modo continuativo la sua lunga attività di uomo di governo e di partito, di studioso, di giornalista e di saggista. Le carte ne documentano il ruolo istituzionale, come ministro e presidente del Consiglio, con particolare riguardo alla politica estera e comunitaria, l'attività nel partito della Democrazia cristiana, ma anche i rapporti con istituzioni e personalità della Chiesa, della cultura, dell'arte, dello sport, sia a livello nazionale che internazionale. L'archivio è costituito in gran parte da documentazione cartacea, ma conserva anche una ricca raccolta di fotografie, oltre a materiali sonori e audiovisivi.
Ordinamento e struttura
L'archivio è suddiviso in due sezioni; nella prima (1.100 buste ca.) le carte sono organizzate in 15 serie documentarie: Camera dei deputati, Cinema, Democrazia cristiana, Discorsi, Divorzio, Elezioni, Europa, Fiumicino, Governi, Parlamento, Personale, Scritti, Senato, Trieste, Vaticano, articolate in sottoserie. La seconda sezione (2.400 buste ca.) è costituita da fascicoli corrispondenti a pratiche con classifica numerica (da 1 a 10.560), contenenti carte relative ad affari diversi (personalità, eventi, soggetti).
Enti
Democrazia cristiana
Sovrintendenza archivistica per il Lazio
Istituto Luigi Sturzo